Il Magazine di MediChild

November 15, 2023

Quando fare la prima visita oculistica?

Oculistica
Tempo lettura:
2 min.

Quanto tempo aspettare per fare la prima visita oculistica del bambino? Quando è opportuno farla e come si svolge? La dott.ssa Roberta Terrana, oculista, specializzata in Oftalmologia pediatrica, ci da le raccomandazioni più opportune da seguire.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
ambliopia
riflesso rosso
strabismo
roberta terrana oculista prima visita oculistica del bambino

Prima visita oculistica: quando farla

Il primo esame oculistico da fare già alla nascita è l’esame del riflesso rosso, che secondo i bilanci di salute può essere valutato dal pediatra, il quale, nel caso in cui avesse dei dubbi, si rivolgerà all’ oculista.

La prima visita oculistica del bambino deve essere fatta all’anno di età se esiste una familiarità per patologie oculari (strabismo, cataratta congenita, glaucoma congenito, retinoblastoma, gravi difetti visivi), oppure se i genitori notano dei campanelli d’allarme (lacrima tanto, c’è una deviazione degli assi visivi, assume posizioni viziate del capo, ha comportamenti anomali- strizza o strofina gli occhi frequentemente, manifesta fastidio alla luce).

In caso contrario fino ai tre anni è sufficiente che periodicamente il pediatra si occupi dei controlli della vista con ripetuti esami del riflesso rosso o utilizzo di test stereoscopici che valutano la capacità di percepire la tridimensionalità da parte del bambino (il Lang test è il più semplice, cartolina con stella, gatto, macchina).

All’età di tre anni va eseguita improrogabilmente la prima visita oculistica per assicurarsi che non ci sia il rischio di sviluppare un’ambliopia (ovvero una riduzione della capacità visiva) da una o da entrambe le parti.

Il processo di maturazione della visione prevede una collaborazione tra occhio e cervello e prosegue nei primi anni di vita del bambino, che vengono definiti periodo critico e periodo plastico dello sviluppo, e di solito si protraggono fino a 7-8 anni.

In caso di occhio pigro il cervello privilegia l’ immagine qualitativamente migliore e quindi interrompe la comunicazione con l’occhio mal funzionante sottraendogli le cellule responsabili della trasmissione degli impulsi per destinarli all’ altro occhio.

Cause di ambliopia

Queste le principali cause che comportano ambliopia:

  • causa organica: deprivazione sensoriale dovuta a qualsiasi ostacolo nella formazione dell’ immagine sulla retina di un occhio (cataratta congenita, leucomi corneali, severa ptosi palpebrale)
  • strabismo: deviazione degli assi visivi che non permette una adeguata cooperazione tra i due occhi
  • anisometropia ovvero differenza di difetto refrattivo tra i due occhi (in questo caso attenzione al ritardo diagnostico perché i genitori o il pediatra possono non sospettare la presenza del problema in quanto gli occhi appaiono dritti, in asse e l’occhio controlaterale vede bene).

Il trattamento dell'ambliopia prevede la correzione dei difetti visivi con l’ utilizzo di lenti, che può essere necessario sin dal primo anno di vita.

Per la riabilitazione dell’ occhio ambliopico può essere necessario un trattamento occlusivo con bendaggio a pelle dell’occhio che vede meglio per stimolare a lavorare di più l’occhio controlaterale che è pigro.

Visite oculistiche del bambino: valutazione prescolare

Ultima data irrinunciabile nel calendario delle visite oculistiche è la valutazione prescolare, all’età di 5-6 anni.

La visita oculistica pediatrica si avvale di metodiche oggettive in età preverbale che si affiancano a valutazioni soggettive più tardi in età verbale, dunque viene svolta con strumenti e modalità differenti da quelle dell’ adulto, ma prevede tutte le medesime tappe.

Fondamentale è la prevenzione, non bisogna trascurare l’ importanza degli screening oculari in età pediatrica, perché l’ambliopia, una volta instauratasi, se non adeguatamente trattata nella primissima infanzia, cioè entro i sette anni, può diventare irreversibile e pertanto rappresentare un problema che non avrà una successiva soluzione.

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
ambliopia
riflesso rosso
strabismo

Autore

Roberta Terrana

La dott.ssa Roberta Terrana è Oculista specializzata in Oftalmologia pediatrica e riceve a Milano.

Leggi qui la sua scheda completa: Dott.ssa Roberta Terrana

Conosci lo specialista
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.

Potrebbe interessarti anche...

May 15, 2024
Irene Falceri

Perché bambini e ragazzi oggi non riescono a staccarsi dallo smartphone?

Ragazzi e ragazze, sempre più giovani, sembra che non riescano proprio a staccarsi dallo smartphone. Ma perché succede? Cosa possiamo fare per migliorare la situazione? Risponde la dott.ssa Irene Falceri, psicologa dell'età evolutiva, esperta in dipendenze da internet ed educazione digitale.

May 17, 2024
Psicologia
Daniela Locatelli

Come aiutare i bambini a gestire la rabbia e i comportamenti problematici

La rabbia è un'emozione che coinvolge tutti, bambini compresi, ma che succede davvero quando la rabbia agita un bambino? Come fare per gestirla? Risponde la dott.ssa Daniela Locatelli, psicologa dell'età evolutiva.

29 November , 2022

Perché bambini e ragazzi oggi non riescono a staccarsi dallo smartphone?

Ragazzi e ragazze, sempre più giovani, sembra che non riescano proprio a staccarsi dallo smartphone. Ma perché succede? Cosa possiamo fare per migliorare la situazione? Risponde la dott.ssa Irene Falceri, psicologa dell'età evolutiva, esperta in dipendenze da internet ed educazione digitale.

29 November , 2022

Come aiutare i bambini a gestire la rabbia e i comportamenti problematici

La rabbia è un'emozione che coinvolge tutti, bambini compresi, ma che succede davvero quando la rabbia agita un bambino? Come fare per gestirla? Risponde la dott.ssa Daniela Locatelli, psicologa dell'età evolutiva.

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.