Il Magazine di MediChild

June 10, 2024

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Osteopata
Tempo lettura:
4 min.

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
camminare
primi passi bambino

Il momento in cui un bambino compie i primi passi è uno degli eventi più emozionanti per i genitori.

Tuttavia, è importante capire che ogni bambino è unico e che il raggiungimento del traguardo dei primi passi può variare notevolmente.

Mentre alcuni bambini iniziano a camminare intorno ai 9-10 mesi, altri potrebbero non farlo fino ai 16-18 mesi. L'età media per i primi passi è intorno ai 12 mesi, ma è fondamentale non forzare il bambino e permettergli di sperimentare il movimento a suo ritmo per garantire un corretto sviluppo motorio.

Primi passi: l'importanza del movimento libero

Lasciare il bambino libero di sperimentare il movimento è essenziale per il suo sviluppo motorio e per muovere in autonomia i primi passi.

Nei primi mesi di vita, il bambino dovrebbe avere ampio spazio per muoversi liberamente.

Il tempo trascorso a pancia in giù, noto come "tummy time", è particolarmente importante poiché aiuta a rafforzare i muscoli del collo, delle spalle e del tronco, che sono fondamentali per lo sviluppo delle abilità motorie successive.

La scoperta del corpo e dell'ambiente da parte del bimbo

Permettere al bambino di esplorare il proprio corpo e l'ambiente circostante senza troppe restrizioni favorisce l'acquisizione della consapevolezza corporea e delle abilità motorie.

Quando un bambino è libero di muoversi, gattonare, rotolare e tirarsi su da solo, sviluppa la coordinazione e la forza necessarie per camminare. Ausili come sdraiette, girelli o “redini primi passi” possono limitare questi movimenti naturali e ritardare alcune tappe del suo sviluppo motorio.

>> Leggi anche: I supporti per aiutare i bambini a camminare servono davvero?

La camminata del bambino

La camminata di un bambino è notevolmente diversa da quella di un adulto.

All'inizio, i bambini tendono a camminare con le gambe divaricate per migliorare l'equilibrio. I loro primi passi sono spesso incerti e traballanti, con un movimento oscillante delle braccia che aiuta a mantenere la stabilità.

La coordinazione non è ancora completamente sviluppata, quindi i primi passi possono essere irregolari e brevi.

Questo è un processo naturale e fa parte dell'apprendimento del controllo motorio. Con il tempo, man mano che i muscoli si rafforzano e la coordinazione migliora, la camminata diventa più sicura e fluida, avvicinandosi gradualmente a quella di un adulto.

La sicurezza del bambino durante l'esplorazione

Mentre è importante lasciare il bambino libero di sperimentare durante i suoi primi passi, è altrettanto importante garantire un ambiente sicuro.

Rimuovere oggetti pericolosi e assicurarsi che lo spazio sia protetto può aiutare a prevenire incidenti.

Gli spigoli dei mobili, le scale e gli oggetti piccoli rappresentano dei rischi che devono essere attentamente gestiti. Tuttavia, non bisogna creare un ambiente eccessivamente restrittivo: un po' di sfida è necessario per stimolare le capacità motorie e cognitive del bambino.

Osservazione e supporto, senza forzare: la strada per iniziare a camminare

I genitori e i caregiver dovrebbero osservare attentamente il bambino, offrendo supporto e incoraggiamento, ma senza forzarlo a camminare prima che sia pronto.

Forzare un bambino a camminare può portare a stress e frustrazione, e potrebbe anche causare problemi di sviluppo motorio.

Invece, è utile creare un ambiente che stimoli il movimento attraverso il gioco e l'interazione. Giochi che incoraggiano il bambino a raggiungere, tirarsi su e muoversi lateralmente possono essere molto utili.

Segnali di prontezza per i primi passi

Alcuni segnali indicano che un bambino è pronto a fare i suoi primi passi:

  • La capacità di stare in piedi da solo
  • camminare con supporto (appoggiandosi o spingendo sedie, pouf e ceste)
  • la volontà di spostarsi lateralmente lungo i mobili

Ogni bambino sviluppa queste abilità a un ritmo diverso, e è essenziale rispettare i suoi tempi.

Quando preoccuparsi se il bambino non cammina

I genitori potrebbero pensare di consultare un pediatra se il bambino non mostra segni di camminare oltre i 18 mesi.

Altri segnali di allarme includono il non essere in grado di stare in piedi con supporto, mostrare scarso interesse per il movimento o avere uno sviluppo motorio generale ritardato.

Una valutazione medica può aiutare a identificare eventuali problemi e fornire indicazioni per il supporto adeguato.

Benefici del camminare autonomamente per i bambini piccoli

Camminare autonomamente offre numerosi benefici al bambino.

Oltre a migliorare la forza muscolare e la coordinazione, aiuta nello sviluppo della fiducia in sé stessi e nell'esplorazione indipendente. I primi passi segnano l'inizio di una nuova fase di autonomia e scoperta che stimola lo sviluppo cognitivo e sociale del bambino.


Facendo una breve sintesi, non esiste un'età esatta in cui un bambino dovrebbe fare i primi passi.

La variabilità è normale e aspettarsi che ogni bambino segua lo stesso percorso può portare a preoccupazioni inutili.

La chiave è permettere al bambino di sperimentare il movimento libero in un ambiente sicuro, offrendo supporto senza forzature.

Osservare, incoraggiare e creare opportunità di movimento sono i migliori modi per supportare il corretto sviluppo motorio del bambino, permettendogli di raggiungere questo traguardo importante nel momento giusto per lui.

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
camminare
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Lavinia Arnone

La dott.ssa Lavinia Arnone è osteopata pediatrica e riceve a Milano. E' insegnante di massaggio neonatale, si occupa di osteopatia in gravidanza e neonatale ed è specializzata nel metodo FSC (Facilitazione dello Sviluppo delle Cerebropotenzialità). Fa inoltre valutazione delle tappe motorie del neonato.

Conosci lo specialista

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 7, 2024
Psicologia
Annalisa Zacchetti

Quando inizia la preadolescenza?

La preadolescenza, conosciuta anche come pubertà, è la fase di transizione dall’infanzia all’età adulta, caratterizzata da significativi cambiamenti fisici e psicologici. Ma quando inizia esattamente? Ce ne parla la dott.ssa Annalisa Zacchetti, psicologa e psicoterapeuta dell'età evolutiva.

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Quando inizia la preadolescenza?

La preadolescenza, conosciuta anche come pubertà, è la fase di transizione dall’infanzia all’età adulta, caratterizzata da significativi cambiamenti fisici e psicologici. Ma quando inizia esattamente? Ce ne parla la dott.ssa Annalisa Zacchetti, psicologa e psicoterapeuta dell'età evolutiva.

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.