Il Magazine di MediChild

June 4, 2024

Rigidità del pavimento pelvico post parto: cos’è e come può aiutare l’osteopatia

Osteopata
Tempo lettura:
5 min.

Di pavimento pelvico si parla forse ancora troppo poco, eppure ha un'importanza fondamentale, non solo in gravidanza. Ce ne parla la dott.ssa Gaia Guagliardi, osteopata.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
pavimento pelvico
pavimento pelvico rigidità due donne si confrontano

Il pavimento pelvico è una sezione anatomica complessa, costituito da 3 strati che fa da base, al bacino connettendo tutti muscoli e gli sfinteri; è una struttura di cui si parla ancora troppo poco, ma che ha un’importanza fondamentale non solo in relazione alla gravidanza.

Il pavimento pelvico in gravidanza


Durante la gravidanza il pavimento pelvico svolge in maniera esponenziale la funzione di sostegno delle pressioni addominali per l’aumento di peso legato alla crescita del feto.

Inoltre il pavimento pelvico è responsabile del controllo degli sfinteri esterni. Questo gruppo muscolare è fondamentale anche nel momento del parto in quanto favorisce i movimenti fetali passivi e permette la fase espulsiva.


È importante valutare il pavimento pelvico durante la gravidanza, anzi sarebbe opportuno farlo anche prima, ma non sempre è possibile.

Il benessere della muscolatura pelvica è fondamentale per ridurre anche le complicanze ostetriche.

Pavimento pelvico e parto

Un diaframma pelvico estremamente contratto potrebbe rendere difficoltoso il parto aumentando il rischio di lacerazioni rispetto ad una condizione di più elasticità.


Nel caso in cui durante il parto ci siano delle lacerazioni in cui si debba ricorrere all’applicazione di punti di sutura o venga effettuata l’episiotomia (taglietto delle strutture muscolari effettuato dall’ostetrica) il recupero dell’elasticità della struttura richiede più tempo e si potrebbe andare incontro ad una maggiore rigidità.


La valutazione e il trattamento osteopatico vengono effettuati sugli strati più “superficiali” in quanto è valutazione esterna che può essere di supporto a seguito di una valutazione diagnosi ostetrica o ginecologica.

In particolare gli studi dimostrano come il ruolo importante, nel recupero delle disfunzioni del pavimento pelvico, è dato da una riabilitazione costituita da esercizi specifici di rilascio o all’utilizzo di macchinari come il biofeedback.

Il ruolo dell’osteopata è quello di lavorare sul drenaggio sia vascolare che linfatico, migliorare le tensioni muscolari e viscerali collegati alla a questa struttura.


In caso di parto cesareo, invece, è importante trattare la cicatrice in quanto per continuità fasciale è strettamente legata al pavimento pelvico, per cui nonostante non ci sia la fase espulsiva attraverso il canale vaginale che può portare a lacerazioni, è comunque coinvolto nella gestione dell’aumento del peso e delle tensioni conseguenti ai processi di riparazione tissutale legati alla cicatrice.


Una buona salute della muscolatura pelvica è importante anche nel prevenire e ridurre le condizioni di incontinenza urinaria e, in alcuni casi, di interventi per prolasso, condizioni che si possono verificare anche conseguentemente a parti difficoltosi.


Si evidenzia anche dalla letteratura come il trattamento e una valutazione sia ostetrica e/o ginecologica in caso di condizioni patologiche che osteopatica e il lavoro sinergico tra le professioni migliori la qualità di vita delle donne sia prima, che durante la gravidanza, con il fine di ridurre anche complicazioni post-partum.


Sicuramente è un tema che crea ancora molto disagio e di cui purtroppo si parla ancora troppo poco.

É importante però affidarsi a professionisti, perché il dolore in zona pelvica o una leggera incontinenza urinaria, non sono fisiologici e meritano di essere valutati per trovare la soluzione più adatta ad ogni paziente.

Che sia un trattamento osteopatico per lavorare sulle strutture collegate, che sia un percorso riabilitativo con esercivi ad hoc per la paziente in esame o l’utilizzo di apparecchiature come il biofeedback o la tecarterapia che hanno come obiettivo una stimolazione del metabolismo tissutale, o che possano essere più terapie combinate, lo specialista saprà consigliare la soluzione ottimale e personalizzata.


È importante anche lavorare in prevenzione e quindi quando possibile valutare e trattare prima del parto e prima della gravidanza.

Bibliografia - pavimento pelvico

  • Gerhardt, K., Montag, G., Ruetz, M., & Schwerla, F. (2008). Osteopathic treatment of women suffering from urinary incontinence following an injury to the perineum during delivery: A randomized controlled trial. International Journal of Osteopathic Medicine, 11(4), 158.
  • Riddi M., Dellanoce P., Fois G., (2018). Osteopatia. Un nuovo equilibrio nell’attesa e dopo il parto. Cresco Edizioni
  • TRIMARCHI, G. (2009). THE EFFECT OF OSTEOPATHIC TREATMENT OF CAESAREAN SCARS ON PELVIC MUSCLE STRENGTH.
  • Bogner, D. (2019). Osteopathic treatment of the genital descensus and its accompanying symptoms in women. A comparative pi-lot study of osteopathy and electrostimulation /biofeedback for pelvic floor. European Journal of Osteopathic Research, 1(1), 28–37.
  • Hastings, V., McCallister, A., Curtis, S., Valant, R. and Yao, S. (2016) Efficacy of Osteopathic Manipulative Treatment for Management of Postpartum Pain. Journal of Osteopathic Medicine, Vol. 116 (Issue 8), pp. 502-509.
  • Ruffini, N., D’Alessandro, G., Cardinali, L., Frondaroli, F., & Cerritelli, F. (2016). Osteopathic manipulative treatment in gynecology and obstetrics: a systematic review. Complementary therapies in medicine, 26, 72-78.

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
pavimento pelvico
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Gaia Guagliardi

La dott.ssa Gaia Guagliardi è osteopata pediatrica. Si occupa di adulti, bambini e donne in gravidanza. Riceve a Cinisello Balsamo.

Conosci lo specialista

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 10, 2024
Osteopata
Lavinia Arnone

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.