Il Magazine di MediChild

April 10, 2024

Paura del buio dei bambini: come affrontarla?

Psicologia
Tempo lettura:
3 min.

La paura del buio è davvero molto diffusa tra i bambini. La dott.ssa Irene Falceri, psicologa dell'età evolutiva e perinatale, ci aiuta a capire come affrontarla.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
buio
sonno
paura del buio dei bambini

La paura del buio: cos'è?

La paura del buio o Nictofobia (dal greco nyctos, cioè notte e phobos ossia paura) è un tipo di fobia specifica riguardante un ambiente naturale che può manifestarsi in età infantile in diversi modi.

Di per sé, la paura del buio è un’emozione naturale che rappresenta una normale fase dello sviluppo: il bambino si mette in allarme di fronte a situazioni minacciose come il buio.

Col tempo il bambino sviluppa la capacità di tollerare la natura pericolosa dell’ignoto, mettendosi al riparo attraverso diverse strategie e abilità di vigilanza e resistenza.

Gestire la paura del buio dei bambini: cosa possono fare i genitori

I genitori non devono minimizzare la paura del buio del proprio bambino, ma ascoltare con cura e accogliere i vissuti emotivi cercando di comprendere la natura di tale fragilità e quale significato assume per loro.

Questo approccio permette uno sviluppo sano del bambino, in quanto promuovere una maggiore sicurezza nell’affrontare l’oscurità e nell’interiorizzare strategie funzionali.

In pratica, cosa può fare il genitore per gestire la paura del buio dei bambini?

  1. Ascoltare e rassicurare il bambino: l’adulto può aiutare il bambino ad esprimere il proprio vissuto e a comunicarlo così da ridurre la tensione senza far sentire loro la solitudine.
  2. Non sminuire i timori del bimbo: l’adulto può trasmettere fiducia e sicurezza al bambino, oltre all’idea che non è sbagliato provare questo tipo di emozione.
  3. Aumentare la consapevolezza del piccolo: l’adulto può stimolare la crescita di consapevolezza del bambino e del mondo che lo circonda, accompagnandolo nella scoperta delle diverse forme del buio e facendogli prendere confidenza con l’ambiente intorno a lui nei diversi momenti della giornata, quando c’è più o meno luce.
  4. Leggere racconti: è molto utile usare la lettura perché aiuta il bambino ad identificarsi con i personaggi che sperimentano la paura del buio; inoltre, si ha modo di imparare e interiorizzare modalità diverse per superare tale insicurezza.
  5. Usare il gioco e il disegno: a volte, anche tecniche di gioco libero può aiutare a far emergere le emozioni del bambino e imparare a gestire al meglio le sue paure.
  6. Curare l’ambiente della casa e il momento dell’addormentamento: si possono utilizzare delle luci notturne nella camera da letto, a cui il bambino può facilmente accedere da accendere o spegnere in autonomia se ne sentisse il bisogno. Anche scegliere un pupazzo, una bambola o una copertina di Linus, da utilizzare nella fase delicata dell’addormentamento, può aiutare ad alleggerire le tensioni e a rilassare il bambino nel prendere sonno. Inoltre, sarebbe meglio evitare di chiudere le porte delle stanze, perché potrebbero diventare un ostacolo per il bimbo durante la notte.
  7. Rispettare i tempi del bambino: ognuno è unico e diverso! Le paure possono risolversi brevemente in autonomia oppure presentarsi più a lungo o a fasi alterne; l’importante è evitare confronti e commenti che minimo l’autostima del bambino facendolo sentire incapace, inadeguato e insicuro.
  8. Essere un modello positivo per il bambino: l’adulto si deve porre come figura di riferimento per il bambino, mostrando la paura come un’emozione che si può sperimentare e allo stesso tempo affrontare in modo sereno. Mostrarsi eccessivamente angosciati in situazioni di difficoltà, non fa altro che aumentare la fragilità del vostro bambino nel gestire e tollerare preoccupazioni.

Letture consigliate per combattere la paura del buio

Ecco alcune letture consigliate per combattere la paura del buio:

  • Lupetto ha paura del buio, di Orianne Lallemand, Gribaudo
  • Non ho troppa paura del buio, di Anna Milbourne, Mario Pennacchio, Usborne
  • Il signor buio. L’amico che non ti aspetti!, di Annalisa Strada, Notes Edizioni
  • Il gufo che aveva paura del buio, di Jill Tomlinson, Feltrinelli Editore
  • Quando avevo paura del buio, di Mireille D’Allancé, Babalibri

Quando è necessario rivolgersi a uno specialista per la paura del buio?

Nel momento in cui si percepisce un sensibile aumento della paura del buio, che perdura nel tempo, e una difficoltà sempre più evidente nel mettere in pratica le strategie suggerite, i genitori possono rivolgersi ad un professionista della salute come lo psicologo dell’età evolutiva.

Tale figura può aiutare a riconoscere e a valutare la situazione in base all’intensità della paura manifestata, cogliendo, laddove si manifesti, il rischio di un’impasse nel normale sviluppo evolutivo.

Diversi possono essere i percorsi suggeriti a seconda della situazione specifica che viene presentata.

In particolare, il trattamento cognitivo comportamentale, che prevede tecniche come l’esposizione e la desensibilizzazione, risulta essere il percorso con un’elevata percentuale di efficacia e di successo, come dimostrato da numerose ricerche sulle fobie specifiche.

Sitografia

https://www.ipsico.it

https://www.aiamc.it

https://abcburlo.it

Bibliografia

Carney, C.E., Moss, T.G., Atwood, M.E., Crowe,  B.M., and Andrews , A.J. (2014). Are Poor Sleepers Afraid of the Dark? A Preliminary Investigation, Journal of Experimental Psychopathology JEP Volume 5, Issue 1, 2-13

Tillfors, M. (2004). Why do some individuals develop social phobia? A review with emphasis on the neurobiological influences. Nord J Psychiatry 58: 267–276.

Milosevic, I., &  McCabe, R.E. (2015). Phobias: The Psychology of Irrational Fear: The Psychology of Irrational Fear, ABC-CLIO

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
buio
sonno
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Irene Falceri

La dott.ssa Irene Falceri è una psicologa clinica, dell'età evolutiva e perinatale.

Si occupa di dipendenzze da internet, educazione al digitale, consulenza e supporto psicologico per bambini, adulti e famiglie, ma anche di sostegno alla coppia, dal concepimento in poi, progettazione e conduzione attività laboratoriali psicoeducative, formazione per adulti.

Conosci lo specialista

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 10, 2024
Osteopata
Lavinia Arnone

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.