Il Magazine di MediChild

December 31, 2022

Il piede torto nel bambino: cos’è e come si cura

Ortopedia
Tempo lettura:
3 Min

Il piede torto è una delle malattie più frequenti dell’età pediatrica. Il dott. Sergio Monforte, specialista in ortopedia e traumatologia pediatrica, ci parla di questa problematica e di come risolverla.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
Metodo ponseti
Chirurgia
piede torto

Come si presenta il piede torto

Il piede torto è una malformazione ortopedica, geneticamente determinata, che si può diagnosticare ecograficamente già dalla 12-20ma settimana di vita intrauterina.

La presenza del piede torto fa sì che ci siano delle anomalie nell’aspetto di gamba, caviglia e piede, che si presentano con alterazioni della struttura, sia a livello muscolo-scheletrico, che osteo-cartilaginee e legamentose.

Il piede torto è una delle più comuni malattie congenite dell’età pediatrica (la 7° per frequenza).

È anche una delle più frequenti dell’età neonatale (seconda alla sola displasia evolutiva delle anche) tra quelle a carico dell’apparato muscolo scheletrico.

In pratica nel mondo ogni 3 minuti nasce 1 bambino affetto da piede torto idiopatico e tra questi circa 500 all’anno nel nostro paese.

Piede torto, predisposizione genetica

La predisposizione genetica, seppure ancora con un meccanismo non del tutto noto, è avvalorata da alcuni dati statistici.

Ad esempio la ricorrenza in ambito familiare (circa il 10-20%), una maggiore frequenza nei gemelli monozigoti rispetto agli eterozigoti (33% vs 3%) ed una maggiore prevalenza per il sesso maschile (2.5:1).

Nel 50% dei casi viene colpito 1 solo piede, nel restante 50% la malformazione può essere bilaterale e in questo caso uno può essere lievemente più grave dell’altro dal punto di vista clinico.

piede torto del bambino esempi

Il metodo Ponseti per il trattamento del piede torto

Si tratta di un originale metodo manipolativo e correttivo del piede torto caratterizzato da 3 fasi terapeutiche distinte e strettamenti correlate tra loro:

  1. fase correttiva in gesso
  2. riabilitativa in tutore
  3. follow up

La prima fase prevede una correzione estremamente rapida, asintomatica , progressiva ed attraverso un’unica manovra correttiva, delle varie deformità presenti nel piede torto (cavismo, adduzione, supinazione dell’avampiede e varismo del retropiede).

Le manovre manipolative non sono dolorose per il bambino

Dopo la rimozione del gesso post operatorio si passa alla fase II della metodica Ponseti di la fase tutorizzazione o riabilitativa.

Il tutore in abduzione è parte integrante e fondamentale del trattamento nella metodica Ponseti in quanto è in grado di:

  • rimodellare lo sviluppo dei nuclei di accrescimento delle ossa tarsali
  • distendere il comparto capsulo-legamentoso e muscolare del piede in trattamento
  • mantenere elastica la tensione del muscolo tricipite surale (=muscolo del polpaccio)
  • stimolare meccanicamente la crescita in lunghezza dei muscoli

al fine di ridurre la naturale tendenza del piede torto a recidivare durante le fasi di accrescimento del bambino

La fase III della metodica Ponseti, il follow up, inizia dopo la dismissione dal tutore.

Questa fase rappresenta parte integrante del percorso di cura intrapreso in età neonatale.

Saper infatti  riconoscere e trattare precocemente l’instaurarsi di una recidiva è fondamentale per ottenere risultati funzionali ottimali senza dover ricorrere ad interventi chirurgici invasivi

Durante il follow up lo specialista valuta attentamente ogni tre o quattro mesi (soprattutto nei primi 2 anni dalla dismissione del tutore) il grado di elasticità del piede in dorsi flessione.

Valuta anche  il bilanciamento del movimento attivo in dorsiflessione e abduzione, la forza muscolare ed il trofismo dei muscoli eversori (m. peronei), la qualità dell’appoggio e del cammino del bambino, la forza di propulsione ai test dinamici.

Vantaggi e svantaggi del metodo Ponseti

Il metodo Ponseti per la cura del piede torto è in grado di ottenere la correzione anatomica in più del 95% dei casi trattati, indipendentemente dalla loro gravità iniziale.

I tempi sono molto rapidi (bastano poche settimane di cura), senza arrecare particolari sofferenze (attraverso semplici e delicate manipolazioni) o ricorrere necessariamente a trattamenti chirurgici invasivi.

Inoltre i risultati clinici e funzionali ottenuti a breve e lungo termine sono facilmente e rapidamente riproducibili se viene praticato da personale medico ben addestrato.

Il metodo non influenza le fisiologiche tappe di sviluppo neuromotorio del bambino.

Tra i possibili svantaggi del metodo Ponseti ricordiamo:

  • elevato rischio di scarsa collaborazione paziente/famiglie (stimabile tra il 40-60%)
  • risultati a breve e medio termine direttamente correlati a collaborazione del paziente e della famiglia al protocollo
  • esperienza tecnica ed organizzativa operatori sanitari
  • risultati a lungo termine (> 15 anni) meno “brilllanti” nel contenere la fibrosi retraente, geneticamente determinata, delle componenti muscolari.
  • lunghezza della fase di tutorizzazione (almeno fino ai 5 anni)
  • Una collaborazione adeguata non mette al riparo da sviluppare una recidiva alla dismissione dal tutore (rischio individuale geneticamente determinato)
  • impossibilità di predire la percentuale di rischio individuale a sviluppare una recidiva (se non in maniera indiretta) obbliga a mantenere per tutti i pazienti lo stesso standard di protocollo

Altre indicazioni utili sul trattamento del piede torto

Non è necessario iniziare il trattamento subito dopo la nascita.

In alcuni casi legati a parti complicati o dove il bambino è rimasto ricoverato anche per qualche mese il trattamento iniziato a distanza di qualche mese dalla nascita non ha compromesso il buon esito

Le manipolazioni devono essere eseguite da persone esperte del metodo e la correzione ottenuta viene mantenuta dalla confezione del gesso.

I genitori non possono né devono fare manipolazioni correttive.

I Bendaggi non sono efficaci.

L’ osteopata non cura il piede torto idiopatico.

Il piede torto congenito idiopatico non è dovuto ad una cattiva posizione del piede nell’ utero.

I gessi non possono essere confezionati sotto il ginocchio.

I piedi ingessati vanno mantenuti sollevati con l’uso di un asciugamano sotto le ginocchia.

Le dita del piede devono essere visibili , se scompaiono all’ interno del gesso contattare il medico che ha in cura il bambino.

Il “Pirani score” è un indice di gravità clinica del piede torto che viene attribuito dal medico alla prima visita e in quelle successive.

Il buon esito del trattamento non viene influenzato né viene determinato dalla severità di questo punteggio.

I bambini trattati con il metodo Ponseti NON devono indossare calzature ortopediche o solette correttive quando iniziano a camminare autonomamente

I bambini con piede torto idiopatico curati correttamente con la metodica Ponseti potranno correre, giocare, saltare e, se vorranno, praticare attività sportive (anche a livello agonistico) come tutti gli altri bambini.

I bambini che hanno il piede torto monolaterale (= 1 piede solo) di solito hanno  una differenza di circonferenza del polpaccio ( il lato del piede torto è più sottile) e in circa il 10% dei soggetti una possibile ipometria dell’arto interessato (mediamente di circa 1.2 cm) ma senza una compromissione della loro capacità di camminare e fare sport.

Tale differenza non migliora spontaneamente nel tempo ne’ con la FKT o con attività ludico sportiva specifiche in quanto è la manifestazione clinica del processo patogenetico della malformazione del piede torto.

Ad ogni modo, alla luce della nostra quasi ventennale esperienza confermiamo che la metodica Ponseti, pur con i suoi indubbi limiti tecnici ed organizzativi, è da considerarsi, ad oggi, il gold standard tra i trattamenti conservativi del piede torto idiopatico in età pediatrica.

La sua efficacia è molto elevata nel saper guarire con un protocollo “mini invasivo” la maggioranza dei piedi torti idiopatici limitando la necessità d’intervenire chirurgicamente ai casi particolarmente resistenti al trattamento conservativo o per recidive sviluppatesi in piedi torti precedentemente trattati chirurgicamente o per il trattamento di piedi torti associati a patologie neuromuscolari e sindromiche.

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
Metodo ponseti
Chirurgia
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Sergio Monforte

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 10, 2024
Osteopata
Lavinia Arnone

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.