Il Magazine di MediChild

April 12, 2024

È giusto mettere i bambini in punizione?

Psicologia
Tempo lettura:
2 min.

L'argomento della disciplina infantile e l'opportunità di mettere i bambini in punizione per i loro comportamenti errati suscita molte domande. La dott.ssa Annalisa Zacchetti, psicologa dell'età evolutiva, affronta l'argomento con una riflessione approfondita al riguardo.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
educazione
metteer in punizione i bambini

Perché mettere in punizione i bambini?

Una questione fondamentale da considerare è il motivo per cui i bambini dovrebbero essere messi in punizione e chi dovrebbe essere responsabile di questa punizione.

Quando parliamo di imporre una sanzione negativa - preferisco questo termine a punizione - ciò indica generalmente che qualcosa nel rapporto tra l'adulto e il bambino non ha funzionato come previsto.

Solitamente, la sanzione arriva quando il bambino non rispetta le regole stabilite dagli adulti.

È cruciale comprendere la natura specifica di ogni trasgressione.

Ad esempio, se un bambino ignora un divieto posto per la sua sicurezza e si fa del male, ha già subito una conseguenza diretta delle sue azioni.

In questo caso, una punizione aggiuntiva sarebbe superflua e l'esperienza stessa dovrebbe servire da lezione e in questo caso la regola rimarrà in vigore.

Se invece, la trasgressione non ha portato a conseguenze negative, l'adulto dovrebbe riflettere sulla necessità di modificare o eliminare la regola posta in precedenza, spiegando al bambino il motivo della sua esistenza e riconoscendogli che ora è più capace e quindi la regola può essere modificata o addirittura eliminata.

Bambini che si comportano male a scuola: è giusto punire?

Quando un bambino si comporta male a scuola, la responsabilità della sanzione spetta al contesto scolastico e non ai genitori e dovrà accadere all’interno del rapporto che quello studente ha con il suo insegnante.

Una nota sul diario non dovrebbe essere interpretata come un invito alla punizione da parte della famiglia, ma piuttosto come un aggiornamento sulla situazione scolastica del bambino.

I genitori dovrebbero approfittare di queste occasioni per dialogare con i loro figli, cercando di comprendere le cause del comportamento piuttosto che passare direttamente alla punizione.

In casi più seri, come una sospensione, è importante riconoscere che la sospensione stessa costituisce già una sanzione.

Questo dovrebbe spingere a una riflessione congiunta su come migliorare il rapporto che il ragazzo ha con la scuola, i suoi insegnanti e i suoi compagni, spesso invece da parte della scuola sembra che la sospensione sia di fatto l’ultima spiaggia, probabilmente il rapporto è già compromesso da tempo.

La punizione, in questi contesti, dovrebbe mirare più alla riparazione e alla riflessione che non al semplice deterrente.

Bambino che si comporta male a casa: lo mettiamo in punizione?

Nel contesto familiare, se un genitore percepisce la necessità di mettere in punizione il proprio figlio per comportamenti come aggressività, disobbedienza o mancanza di rispetto, è fondamentale prima esaminare le dinamiche relazionali interne alla famiglia.

È necessario riflettere sulle proprie azioni e reazioni e sul trattamento riservato ai bambini. Dobbiamo stare attenti a non permetterci noi di prevaricare sui nostri figli altrimenti, se questo è il modello, anche loro si sentiranno autorizzati a fare altrettanto.

In conclusione, è assolutamente necessario curare attentamente i rapporti che gli adulti hanno fra di loro e con i più piccoli, il bambino impara ad essere rispettoso se prima di tutto è rispettato, se sente che l’adulto che lo accompagna nella vita a tutti i livelli è degno di fiducia in quanto rispettoso del suo essere e del suo pensiero.

Un bambino apprende il rispetto principalmente attraverso l'esempio degli adulti di riferimento.

Solo in questo modo la correzione che gli adulti possono esercitare nei confronti dei più piccoli potrà essere colta da loro come rafforzamento di un legame che li aiuta e li rassicura nel cammino della vita.

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
educazione
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Annalisa Zacchetti

La dott.ssa Annalisa Zacchetti è psicologa e psicoterapeuta, esperta in psicologia infantile. Rceve a Villafranca D'Asti.

Supporta i genitori che affrontano sfide relazionali con i figli e offre consulenze di psicoterapia per preadolescenti e adolescenti con un approccio che favorisce lo sviluppo emotivo e sociale.

La dott.ssa Zacchetti è anche Terapista della Neuro e Psicomotricità.

Conosci lo specialista

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 10, 2024
Osteopata
Lavinia Arnone

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.