Il Magazine di MediChild

May 15, 2024

Perché bambini e ragazzi oggi non riescono a staccarsi dallo smartphone?

Psicologia
Tempo lettura:
4 min.

Ragazzi e ragazze, sempre più giovani, sembra che non riescano proprio a staccarsi dallo smartphone. Ma perché succede? Cosa possiamo fare per migliorare la situazione? Risponde la dott.ssa Irene Falceri, psicologa dell'età evolutiva, esperta in dipendenze da internet ed educazione digitale.

Pathology
Dr.Jane Cooper
Tags:
educazione digitale
ragazzi che non riescono a staccarsi dallo smartphone

Nel momento storico attuale essere “sempre online” è la norma: i ragazzi e le ragazze usano costantemente i social media, le app di messaggistica istantanea e i videogiochi, costruendosi una propria identità online, senza riuscire a staccarsi dallo smartphone.


Come spesso succede quello che può essere sbagliato è l’uso del mezzo, non il mezzo in sé.

Quale uso responsabile della rete?


Un uso responsabile della rete ha un impatto positivo sul benessere ed aumenta la percezione di supporto sociale, mentre l’uso problematico influisce negativamente sulla comparsa di sintomi fisici associati ad ansia e depressione.

Alcuni potrebbero essere: ansia di accedere ai social, volontà di passare sempre più tempo online e sintomi di astinenza quando offline, fallimento nella gestione del tempo speso online, disinteresse verso le altre attività, liti e bugie con genitori a causa dell’uso eccessivo, problemi con i pari, utilizzo dei social per scappare da sentimenti negativi.


Il più recente studio multicentrico internazionale HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), datato 2022, ha registrato un aumento generale dell’uso dei dispositivi tecnologici nel periodo post pandemico.

In particolare, ha evidenziato un aumentato rischio di un utilizzo problematico negli adolescenti del 13% per quanto riguarda i social media e del 19% per quanto riguarda il gaming.


Questi dati confermano l’importanza di continuare a promuovere un’educazione digitale consapevole e responsabile per i ragazzi, ma anche per il mondo adulto, il quale non deve scordarsi di fungere da esempio positivo e autorevole.

Opportunità delle nuove tecnologie


Le opportunità che le nuove tecnologie digitali offrono ai ragazzi sono molteplici: sviluppare le abilità di ricerca e di valutazione critica delle informazioni, potenziare il senso di competenza e di autoefficacia, incrementare le abilità relazionali, entrare in contatto con interlocutori di tutto il mondo, sradicando pregiudizi e luoghi comuni.


Dal punto di vista dell’attenzione, i media digitali sollecitano la capacità del nostro cervello nel processare le informazioni, producendo una maggiore funzionalità dell’attenzione e della memoria.

Tuttavia, vi è il rischio che questa rapidità possa poi essere causa di maggiore superficialità nell’elaborare le informazioni e possa aumentare il rischio di perdere la concentrazione e di avere una capacità ridotta di tollerare le frustrazioni.

Socializzare i tempi dei social network


Per quanto riguarda la socializzazione, le nuove tecnologie di rete possono comportare una sovrapposizione tra “sfera pubblica” e “sfera privata”: nei ragazzi la costruzione di una rete sociale ampia è un elemento prioritario, tanto che a volte può andare a scapito della riservatezza della propria vita privata, spesso esibita, con ripercussioni che vanno al di là della loro sfera di controllo.

Le nuove generazioni costruiscono la propria identità tramite i nuovi media, integrando la realtà dei rapporti in presenza con quella online.

L’uso della rete può servire ai ragazzi per uscire dalla timidezza e dall’isolamento, così come per stabilire relazioni senza temere, ad esempio, pregiudizi legati al loro stile o aspetto fisico.

Per coloro che si sentono isolati, il mondo online può fornire un aiuto per migliorare l’umore, sentirsi più autonomi e indipendenti, essere accettati dai coetanei e aumentare l’autostima.

I pericoli della rete


A fronte di questi effetti positivi, è bene ricordare che la rete però può essere utilizzata anche per discriminare, isolare e umiliare coloro che sono ritenuti diversi da noi.


Cosa può fare un genitore per approcciarsi al mondo online dei figli che non riescono a staccarsi dalo smartphone?


Parla con i ragazzi: é importante favorire una comunicazione aperta tra genitore e adolescente, spiegando ai ragazzi cosa vuol dire un utilizzo positivo e intelligente dei media digitali, prestando attenzione ai contenuti che vengono pubblicati e letti e ricordando loro che è indispensabile proteggere la privacy online per tutelare se stessi e la propria famiglia.


Comprendi, impara e controlla: il genitore dovrebbe monitorare il tempo del proprio figlio sin dal primo contattato tecnologico, imparando, giocando, condividendo e conoscendo insieme le regole e limiti ben definiti di questi devices.


Stabilisci limiti e regole chiare: occorre stabilire alcune regole, come evitare l’uso della tecnologia durante i pasti, i compiti, le riunioni familiari, prima di andare a letto, includendo anche limiti di utilizzo. Considerare i media come un’opportunità per tutta la famiglia per vedere insieme film o condividere contenuti social o messaggi in chat e video.


Dai il buon esempio: come genitore l’esempio è fondamentale, per questo mamme e papà dovrebbero limitare per primi l’utilizzo di smartphone e rispettare le regole che definiscono insieme ai figli; è importante, inoltre, che i genitori scelgano sempre contenuti appropriati e linguaggi adeguati sui social network.


Fai rete: è indispensabile la collaborazione tra genitori, pediatri, operatori sanitari, insegnanti, forze dell’ordine e operatori digitali per tutelare e sostenere i ragazzi attraverso campagne di informazione che forniscano una maggiore consapevolezza degli aspetti positivi, ma anche dei rischi che presenta l’uso eccessivo dei media digitali.

Sitografia
www.sip.it Società Italiana di Pediatria
https://www.epicentro.iss.it/hbsc/

What innovative computing technologies does American Portwell Technology provide for advanced medical imaging applications?
At Portwell, we provide three different categories of technology for medical imaging applications.
  • 1

    Medical grade embedded systems designed by the implementation of the latest CPU and GPU technologies on either PICMG 1.3 Single Board Computers (SBC), Embedded Computer Boards or Computer-on-module (COM) boards based on over 22 years of experience in medical equipment applications to provide optimized computing and image processing power as well as custom-tailored solutions to meet customer requirement.

  • 2

    A series of medical all-in-one touch computers sizes from 10.1” to 23.8” embedded with the latest Intel® Processor. Some models can be installed with GPU cards these products not only fulfill different computing requirements but also provide high graphic performance for advanced quality image output. In addition, there are hot-swappable batteries options available to ensure the continuity of operation without interruption.

  • 3

    A series of medical-grade touch monitors certified with the latest IEC/EN 60601-1-2 4th edition to ensure the safety of medical electrical equipment compliance with professional healthcare regulations. They are designed with fast response time, wide viewing angle, DICOM® compliance, and an IP22 rated enclosure for advanced PACS and medical imaging applications.

What are some medical imaging applications that American Portwell Technology caters to?
Portwell’s medical imaging technologies cater to various applications, including:

Radiography and Digital X-Ray; surgical imaging control, surgical planning station and ultrasound imaging; image-guided therapy/surgery on tissue types, features, and function in real-time through fluorescence; surgical navigation imaging; and dental 2D/3D imaging and diagnosis catering to the varying nature of requirements.

Tags:
educazione digitale
Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle ultime novità di MediChild

Grazie! Ora sei iscritto alla nostra newsletter ✉
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Autore
Irene Falceri

La dott.ssa Irene Falceri è una psicologa clinica, dell'età evolutiva e perinatale.

Si occupa di dipendenzze da internet, educazione al digitale, consulenza e supporto psicologico per bambini, adulti e famiglie, ma anche di sostegno alla coppia, dal concepimento in poi, progettazione e conduzione attività laboratoriali psicoeducative, formazione per adulti.

Conosci lo specialista

Potrebbe interessarti anche...

June 14, 2024
Chiara Rosato

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

June 10, 2024
Osteopata
Lavinia Arnone

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

29 November , 2022

Come può aiutare l’osteopatia nel post parto?

Nel periodo post parto può essere utile affidarsi all'osteopata? Sicuramente i trattamenti osteopatici possono giovare molto alle puerpere. Ce ne parla la dott.ssa Chiara Rosato, osteopata.

29 November , 2022

Primi passi: a che età il bimbo dovrebbe farli?

Assistere ai primi passi del proprio bambino è un momento davvero emozionante, ma quando il piccolo dovrebbe iniziare a muoversi da solo? Risponde la dott.ssa Lavinia Arnone, osteopata pediatrica

Domande Comuni

1
Test

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

2
Mauris ut est aliquam vestibulum feugiat pretium?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

3
Blandit odio eu faucibus gravida etiam mus eget?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

4
Aliquet molestie donec ultrices eget dui?

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur. Bibendum dolor fringilla facilisis nulla libero. Pulvinar magna elementum ac viverra. Arcu orci ipsum sagittis magna quisque sed aliquam euismod iaculis.

Contattaci

Sei uno specialista? Prenota una videocall gratuita con MediChild

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.